Gli ipertesti sono documenti creati in modo tale da offrire un collegamento tra un punto del testo ed altri documenti o altri punti dello stesso testo. Quando diciamo "punto" intendiamo far riferimento, oltre che a parole o frasi, anche ad immagini integrate nel testo.
Prendendo ad esempio l'immagine di questa pagina, possiamo collegare, con un solo link, tutta l'immagine ad un altro documento, o renderla interattiva collegando, tramite una serie di link, più punti della stessa a più documenti. Le aree sensibili possono essere individuate tramite segni grafici o sfruttando la capacità del cursore di trasformarsi in "manina" in corrispondenza dei link.
Nel caso specifico è riportata la vista aerea di un corpo di fabbrica del campus universitario, su cui è stata schematizzata la planimetria interna ed i punti da cui sono state riprese le immagini fotografiche fisse o dinamiche.

In questa sede, per scrivere un ipertesto, utilizzeremo il linguaggio HTML.

Va sottolineata la differenza d'impostazione tra la pagina di un libro (o di una rivista) e la pagina Web. La prima contiene un testo che si sviluppa in capitoli, paragrafi ecc., mentre la seconda dovrebbe essere contenuta nello schermo del computer (quindi è sempre una sintesi) e, grazie ad una serie di colegamenti successivi, dovrebbe potersi trasformare in un'encioclopedia.
In pratica per consultare una argomento di un volume cartaceo, si è costretti a prendere tutto il volume, mentre per consultare un argomento di una pagina Web è sufficiente richiamare solo l'argomento che interessa, a tutto vantaggio della velocità di consultazione e... di apertura della pagina.