ALTARE DI S.ANNA

In marmo, fu eretto nel Seicento per volere e devozione del vescovo, e poi cardinale, Gian Domenico Spinola (1631-1633). L'altezza dell'altare Ŕ racchiusa tra due colonne tortili, in legno dorato, alla maniera berniniana, anch'esse di epoca seicentesca. Sullo sfondo, una tela rappresenta la Visitazione e, in primo piano, S.Anna, la Madonna e Gus¨ Bambino. E' opera di fra Francesco da Martina ed Ŕ datata 1633. La parte superiore dell'altare Ŕ chiusa da una cimasa, che, al centro, porta il busto dell'Eterno Padre. L'opera fu completata da Mons.Giovanni Battista Spinola (1648-1665), nipote del detto Gian Domenico Spinola. Giovanni Battista Spinola leg˛ il suo nome anche ad un grazioso impegno: per testamento, infatti, lasci˛ trecento ducati da utilizzare per matrimoni di ragazze povere, purchŔ celebrati, appunto, all'altare di S.Anna. Detto legato Ŕ documentato da una lapide posta all'interno del bussolone della porta, che mette su via Riscatto.




ritorna alla pagina iniziale
Home