Com'è noto, il Centro di Iniziativa e di Programmazione Educativa, istituito con deliberazione Consiliare n.3279 del 19 dicembre 1986, ha - tra l’altro - il compito di attuare interventi in tema di Educazione Permanente. Nell’ambito di tale specifica competenza, nonché in armonia a quanto previsto dalla L.R. n.42 del 12/5/1980, che attribuisce ai Comuni il compito di realizzare appositi interventi idonei a favorire l’organizzazione di attività parascolastiche, ricreative, extrascolastiche, si colloca il presente progetto, da realizzarsi di concerto con l’Università degli Studi di Bari - Cattedra di Fotogrammetria Architettonica, il Centro Sperimentale Universitario "S.Teresa dei Maschi" e la "Fondazione Italiana di Fotogrammetria Architettonica", che prevede l’attivazione di un CORSO DI FOTOGRAMMETRIA rivolto agli alunni frequentanti la V classe della Scuola Elementare "F.Corridoni" e la I classe della Scuola Media Statale "S.Nicola", finalizzato alla rilevazione e alla diagnosi della realtà territoriale. La FOTOGRAMMETRIA, é un particolare metodo di rilevamento della planimetria e altimetria di un terreno che attraverso l’utilizzo di strumenti ottici consente la lettura dell’immagine in tre dimensioni ed in qualsiasi scala. L’immagine, sia fotografica, sia televisiva, rappresenta per il bambino una delle prime forme di contatto con la realtà che lo circonda e rappresenta una modalità per addivenire alla conoscenza del proprio habitat. L’obiettivo precipuo che con il presente progetto si intende perseguire é quello di porre gli studenti, già dalle elementari, pur tenendo conto delle loro capacità di apprendimento, in relazione ai rispettivi livelli di sviluppo cronologico, davanti a problemi della realtà che li circonda e che possono condizionare, in senso negativo, la vivibilità dell’ambiente urbano nel quale vivono. L’iniziativa in parola, prevede, quindi,la realizzazione di una città in miniatura, ottenuta con il ricorso ad elementi modulari, ideata dai bambini con l’impiego della tecnica fotogrammetrica e con l’uso dei computers. La finalità dell’iniziativa proposta, si basa sul fatto che, attraverso la gestione di questa città, si determini nello studente un processo di analisi critica della realtà circostante, che lo abitui ad osservarla e studiarla con il metodo induttivo - sperimentale. Pertanto, mediante il gioco, i bambini si porranno, in proporzioni ridotte, i problemi della realtà che li circonda e, se da un verso sarà consentito loro di conoscere la propria città in un modo nuovo, dall’altro verso, gli stessi alunni saranno indotti ad acquisire una metodologia di analisi e di sintesi. Attraverso l’uso del computer e degli elementi modulari (LEGO), i bambini saranno messi in condizione di operare utilizzando il dato concreto delle costruzioni - giocattolo e i dati astratti ottenuti con la simulazione del computer. Il progetto di cui trattasi, privilegia l’attività sperimentale, perché - a differenza di altre discipline i cui contenuti devono essere ricostruiti dall’immaginazione dell’alunno - é proprio durante i momenti di sperimentazione che le capacità percettive e sensoriali di un individuo sono coinvolte, così come tutte le attività di pensiero. Infatti, l’attività sperimentale consente, attraverso l’osservazione diretta, l’opportunità di un contatto con gli oggetti da conoscere e, inoltre, impiega modi e metodi della ricerca prevedendo l’uso di laboratori che, in realtà, rappresentano situazioni sperimentali in cui si riproducono artificialmente fenomeni e processi della realtà naturale. Quanto sopra accennato, rappresenta una metodologia di insegnamento prettamente scientifica. Altra considerazione da fare al riguardo è dettata dalla circostanza che una corretta educazione scientifica, basata sul riscontro diretto con le cose, su una obiettiva riflessione sui risultati raggiunti, consente al fruitore di conquistare autonomia di giudizio e di conoscenza della realtà oggettiva. Il progetto in parola, si articola nelle seguenti fasi:
1)- analisi del quartiere "S.Nicola" e suo rapporto con la città ed il territorio, mediante immagini televisive riprese dall’aereo;
2)- ricognizione aerea, a scopo di verifica, da parte degli alunni, su velivoli dell’Aereo Club di Bari;
3)- analisi di immagini fotogrammetriche mediante l’utilizzo dello stereoscopio;
4)- realizzazione di un plastico mediante elementi modulari "LEGO",
5)- rilievo del plastico, finalizzato alla costituzione di una banca - dati.
Per quanto concerne l’attivazione della presente ricerca è previsto l’utilizzo di quanto di seguito si riporta:
a) telecamera leggera, montata su treppiedi, dotata di zoom e di regolazione automatica per l’esposizione;
b) videoregistratore portatile per nastri del sistema VHS;
c) monitor 14", per la visione collettiva delle inquadrature in fase di ripresa;
d) velivolo da turismo dell’Aereo Club di Bari;
e) elicottero dell’Alidaunia S.r.l. per riprese televisive a bassa quota;
f) stereoscopio a specchi da tavolo;
g) computers "Commodore";
h) materiale modulare "LEGO".
Al corso in parola, potranno partecipare n.20 studenti, di cui n.10 frequentanti la Scuola Elementare "F.Corridoni" e n.10 frequentanti la Scuola Media Statale "S.Nicola", i cui nominativi saranno opportunamente comunicati dai responsabili degli istituti scolastici citati. La durata delle suddette attività, le quali saranno coordinate dal Prof. Antonio Daddabbo, titolare della Cattedra di Fotogrammetria Architettonica presso l’Università degli Studi di Bari, di concerto con il Centro di Iniziativa e di Programmazione Educativa (Ce.I.P.E.), saranno espletate durante le ore pomeridiane con cadenza di n.1 incontro settimanale, presso la struttura immobiliare di "S.Teresa dei Maschi" attuale sede del Centro medesimo, è determinata, presumibilmente, in mesi dodici (sett.1988-giugno 1989/sett.-ott.1989). Il Centro Sperimentale Universitario "S.Tersa dei Maschi" e l a "Fondazione Italiana di Fotogrammetria Architettonica" parteciperanno all’esecuzione del progetto con il proprio personale tecnico, garantendo l’utilizzo delle attrezzature scientifiche di proprietà degli stessi. Le varie fasi di attivazione della presente iniziativa saranno oggetto di appositi filmati da cui poter realizzare, successivamente, un documentario che attesti i risultati raggiunti con l’espletamento del progetto, filmato che sarà di esclusiva proprietà dell’Amministrazione Comunale di Bari. Il costo preventivato per la realizzazione del presente progetto ammonta a complessive .14.000.000=, come si evince dal seguente prospetto.
1) acquisto materiale "LEGO" per la realizzazione dei modelli.......... .5.000.000;
2) materiale di consumo per la realizzazione di materiale di consumo per la realizzazione di videotapes per la documentazione dell’attività sperimentale (acquisto nastri, noleggio apparecchiature ecc.) ..........................6.000.000
3) noleggio aereo da turismo per n.20 ore di volo ...........................3.000.000